RAI VATICANO SPECIALI WEB

Reportage e approfondimenti tematici Leggi >>

Dio mio
DIO MIO


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


San Gregorio VII

IL SANTO DEL GIORNOLeggi >>

[an error occurred while processing this directive]

PAPA: APPELLO PER LIBERARE I SEQUESTRATI

Nella Vigilia di Natale, il Pontefice prega per la pace e chiede la liberazione di religiosi e laici che sono ancora prigionieri.

24-12-2017 16:28

PAPA: APPELLO PER LIBERARE I SEQUESTRATI

Città del Vaticano, 24 dic.- Pace in tutto il mondo e   rilascio di tutti i sequestrati: è questa l'invocazione unita   all'appello che Papa Francesco lancia al termine dell'Angelus in   piazza San Pietro, nella domenica di vigilia del Natale.      

<< Invochiamo il dono della pace per tutto il mondo, specialmente per le  popolazioni che più soffrono a causa dei conflitti in atto-  ha detto il  Pontefice, rinnovando in particolare il suo appello- affinché, in   occasione del Santo Natale, le persone sequestrate, sacerdoti,   religiosi e religiose e fedeli laici, siano rilasciate e possano   tornare alle loro case>>.

Il Papa, che stasera celebrerà la Santa Messa di Natale nella Basilica di San Pietro e domani impartirà la tradizionale benedizione Urbi et Orbi, si è soffermato sull’esempio della Madre di Dio, umile e modesta.

<<Maria - ha spiegato il Papa - non si esalta di fronte alla prospettiva di diventare addirittura la madre del Messia, ma rimane modesta ed esprime la propria adesione al progetto del Signore. Questo contrasto e' significativo. Ci fa capire che Maria e' veramente umile e non cerca di mettersi in mostra. Riconosce di essere piccola davanti a Dio, ed e' contenta di essere cosi'. Al tempo stesso, e' consapevole che dalla sua risposta dipende la realizzazione del progetto di Dio, e che dunque lei e' chiamata ad aderirvi con tutta se' stessa. In questa circostanza, Maria si presenta con un atteggiamento che corrisponde perfettamente a quello del Figlio di Dio quando viene nel mondo: Egli vuole diventare il Servo del Signore, mettersi al servizio dell'umanita' per adempiere al progetto del Padre>>.

Nel concludere, Bergoglio ha ricordato il ruolo della Madonna come “ collaboratrice perfetta nel progetto di Dio, e anche discepola del figlio… nel Magnificat potrà proclamare che ‘ ha innalzato gli umili’… una gloria altissima”.

Prima di salutare i fedeli si è raccomandato di trovare qualche minuto di silenzio e di preghiera davanti al presepe, per adorare nel cuore il mistero del vero Natale,   quello di Gesu', che si avvicina a noi con amore, umilta' e tenerezza.  
( servizio di: Stefano Girotti)

Rai.it

Siti Rai online: 847