RAI VATICANO SPECIALI WEB

Reportage e approfondimenti tematici Leggi >>

Dio mio
DIO MIO


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


San Gregorio VII

IL SANTO DEL GIORNOLeggi >>

[an error occurred while processing this directive]

UN INVIATO DEL PAPA A MEDJUGORJE

All'arcivescovo Hoser il ruolo di una missione con “compiti pastorali” mentre si sta valutando il “caso” delle apparizioni della Madonna ai veggenti.

11-02-2017 20:28

UN INVIATO DEL PAPA A MEDJUGORJE

Città del Vaticano, 11 feb. ’17-
Nel giorno in cui la Chiesa cattolica festeggia Nostra Signora di Lourdes; ovvero  le apparizioni della Madonna  che si definì l’Immacolata Concezione  davanti  alla piccola Bernadette Soubirous nel 1851, Papa Francesco ha affidato all’arcivescovo di Varsavia-Praga il compito di inviato per compiti pastorali nella cittadina della ex Jugoslavia dove i veggenti continuano ad avere le apparizioni di Maria, madre di Cristo.
“Una decisione- ha precisato il portavoce del vaticano Greg Burke, che- non entra nel merito delle apparizioni mariane, che sono una questione dottrinale di competenza della Congregazione della Dottrina della Fede, che le sta ancora studiando”. Nel bollettino della Santa Sede che annuncia la nomina si sottolinea che “La sua missione ha lo scopo di acquisire più approfondite conoscenze della situazione pastorale di quella realtà e, soprattutto, delle esigenze dei fedeli che vi giungono in pellegrinaggio e, in base ad esse, suggerire eventuali iniziative pastorali per il futuro. Avrà, pertanto, un carattere esclusivamente pastorale".“
Henryk Franciszek Hoser, nato a Varsavia il 27 novembre 1942, si è laureato in Medicina e Chirurgia ed ha lavorato come medico e scienziato prima di scegliere di seguire la propria fede ed entrare in seminario per essere ordinato presbitero nel 1974.
 "Ho sempre servito la Chiesa, e così anche questa volta ho accettato la non facile missione a Medjugorje" ha sottolineato Hoser, ricordando di avere svolto compiti simili in diversi Paesi africani.
Le presunte apparizioni della Vergine a Medjugorje (Bosnia-Erzegovina) sono iniziate nel 1981 e continuano ancora, anche nei siti diversi, poiché sarebbero ricollegate al gruppo dei veggenti, allora ancora ragazzi adolescenti, e non ad un luogo preciso e definito. Nel 1991, però, l'episcopato dell'ex Jugoslavia dichiarò di non poter confermare il carattere soprannaturale delle visioni.       A gennaio del 2014 terminarono i lavori della Commissione internazionale presieduta dal cardinale Camillo Ruini che ha stilato il rapporto su Medjugorje in base al quale la Congregazione per la Dottrina della Fede pronuncerà il suo parere definitivo. La missione dell'inviato polacco dovrebbe terminare il mandato entro l'estate prossima, come ha fatto sapere il Vaticano.
( Servizio di: Stefano Girotti )
 

Rai.it

Siti Rai online: 847