RAI VATICANO SPECIALI WEB

Reportage e approfondimenti tematici Leggi >>

Dio mio
DIO MIO


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


IL SANTO DEL GIORNO

Martirologio Romano dei SantiLeggi >>

LE NOTIZIE DA RAI VATICANO

LA CHIESA NON TEME DI SPORCARSI LE MANI

Il Papa per Gerusalemme: appello alla pace, moderazione e dialogo

23-07-2017 16:35

LA CHIESA NON TEME DI SPORCARSI LE MANI

Città del Vaticano, 23 lug. Meglio una Chiesa "che non teme di   sporcarsi le mani lavando i panni dei suoi figli, piuttosto che una   Chiesa di 'puri', che pretende di giudicare prima del tempo chi sta   nel Regno di Dio e chi no". Lo ha detto Papa Francesco nella catechesi  che ha preceduto l'Angelus a commento della parabola del grano buono e  della zizzania.       
"Col passare del tempo, in mezzo al grano cresce anche la zizzania, e   di fronte a questo fatto il padrone e i suoi servi hanno atteggiamenti  diversi. I servi - spiega Bergoglio- vorrebbero intervenire   strappando la zizzania; ma il padrone, che è preoccupato soprattutto   della salvezza del grano, si oppone dicendo: 'Non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Con   questa immagine, Gesù ci dice che in questo mondo il bene e il male   sono talmente intrecciati, che è impossibile separarli ed estirpare   tutto il male".
Rivolgendosi ai fedeli ha aggiunto un appello per la pace: «Seguo con trepidazione le gravi tensioni e le violenze di questi giorni a Gerusalemme. Sento il bisogno di esprimere un accorato appello alla moderazione e al dialogo. Vi invito ad unirvi a me nella preghiera, affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace». Dopo il tradizionale Angelus in piazza San Pietro, Papa Francesco porta l’attenzione internazionale sui conflitti in Israele, chiedendo moderazione e dialogo come uniche strade per arrivare alla pace. Con la parabola della zizzania  aveva puntualizzato che a noi è vietato giudicare chi sarà salvato o dannato: «In questo mondo il bene e il male sono talmente intrecciati, che è impossibile separarli ed estirpare tutto il male. Solo Dio può fare questo, e lo farà nel giudizio finale. Quanto a noi, mi verrebbe da chiedervi: chi non è peccatore alzi la mano-  ha precisato  il Santo Padre - Con le sue ambiguità e il suo carattere composito, la situazione presente è il campo della libertà dei cristiani, in cui si compie il difficile esercizio del discernimento. Si tratta dunque di congiungere, con grande fiducia in Dio e nella sua provvidenza, due atteggiamenti apparentemente contradditori: la decisione e la pazienza. Anche perché grazie all’influsso benefico di una trepidante attesa, ciò che era zizzania o sembrava zizzania, può diventare un prodotto buono. E’ realtà della conversione, è la prospettiva della speranza».
(Servizio di: Stefano Girotti)
 

Rai.it

Siti Rai online: 847