RAI VATICANO SPECIALI WEB

Reportage e approfondimenti tematici Leggi >>

Dio mio
DIO MIO


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


San Gregorio VII

IL SANTO DEL GIORNOLeggi >>

[an error occurred while processing this directive]

Papa: i sogni grandi hanno bisogno di Dio

L'incoraggiamento di Papa Francesco alle migliaia di giovani che sono giunti nella capitale per l'evento. Grande adunata al Circo Massimo, con momenti di animazione e di preghiera.

11-08-2018 22:10

Papa: i sogni grandi hanno bisogno di Dio

Roma; 11 agosto 2018 - “Per mille strade verso Roma”, decine di miglia di giovani sono giunti nella capitale per l’evento organizzato dalla Conferenza Episcopale Italiana in preparazione alla XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale” che si terrà in ottobre. Grande adunata al Circo Massimo, con momenti di animazione e di preghiera alla presenza del Santo Padre. 
<< I sogni sono importanti. Tengono il nostro sguardo largo, ci aiutano ad abbracciare

l’orizzonte, a coltivare la speranza in ogni azione quotidiana- ha dichiarato il papa durante l’udienza con i ragazzi che si è tenuta in mattinata - E i sogni dei giovani sono i più importanti di tutti, sono le stelle più luminose, quelle che indicano un cammino diverso per l’umanità. Ecco, cari giovani, voi avete nel cuore queste stelle brillanti che sono i vostri sogni: sono la vostra responsabilità e il vostro tesoro. Fate che siano anche il vostro futuro!>>.

 Papa Francesco sottolinea l’importanza del sogno e della speranza ma precisa che i  sogni vanno fatti crescere, vanno purificati, messi alla prova e vanno anche condivisi.

 

<< Ma vi siete mai chiesti da dove vengono i vostri sogni? Sono nati guardando la televisione? Ascoltando un amico? Sognando ad occhi aperti?- domanda papa Francesco-  Sono sogni grandi oppure sogni piccoli, miseri, che si accontentano del meno possibile? La Bibbia ci dice che i sogni grandi sono quelli capaci di essere fecondi, di seminare pace e fraternità, ecco, questi sono sogni grandi perché pensano a tutti con il NOI. I sogni grandi includono, coinvolgono, sono estroversi, condividono, generano nuova vita. E i sogni grandi, per restare tali, hanno bisogno di una sorgente inesauribile di speranza, di un Infinito che soffia dentro e li dilata. I sogni grandi hanno bisogno di Dio per non diventare miraggi o delirio di onnipotenza>>.
Nel suo discorso ai giovani presenti al Circo Massimo, Bergoglio ha ricordato il sognatore che ha cambiato la storia, il santo poverello di cui porta il nome pontificale.  

<< C'era un ragazzo, qui in Italia, che cominciò a sognare in grande. E suo papà, un grande affarista, cercò di convincerlo a non farlo. Alla fine se n'é andato per sognare. Quel giovane si è rifugiato nel vescovado, si è spogliato delle vesti. Quel giovane, vissuto nel XIII secolo, si chiamava Francesco, e ha cambiato la storia dell'Italia>>. 

Rai.it

Siti Rai online: 847